top of page

AROMATERAPIA - ESSENZE ACCESSORIE (per problemi specifici) - Anice stellata



A questo olio essenziale vengono riconosciute qualità toniche, simil-estrogeniche e antispasmodiche particolarmente utili in caso di gonfiore di pancia, crampi addominali, indigestione, gas, gonfiore addominale e nausea.


Si rivela molto efficace in caso di stitichezza ostinata.


In oriente è un rimedio tradizionale usato per alleviare le coliche nei neonati.


Questo olio essenziale può aiutare nel trattamento di alcune malattie della pelle, tra cui l’acne.


L’Anice Stellato è tossico per molti insetti pertanto risulta essere un ottimo agente per riuscire a mantenere a debita distanza pidocchi ed infezioni della scabbia.


Altra caratteristica peculiare riconosciuta, oltre a quelle sopra elencate, è la sua qualità afrodisiaca: il suo profumo stimola l’inappetenza e la frigidità.


L'anice è un efficace strumento per il trattamento di alcune affezioni delle vie aeree. I suoi principi attivi svolgono un’attività battericida nei confronti di alcune tipologie di microrganismi in grado di scatenare infiammazioni ed infezioni delle vie respiratorie e dei polmoni.

Viene utilizzato anche in caso di asma e tosse e fluidifica i catarri bronchiali.

Come galattagogo favorisce la secrezione del latte.

In psicoaromaterapia porta con sé un messaggio di gioia, allegria, ed è più euforizzante dell’olio essenziale di arancio. Quando ci sono problemi, porta una sorta di copertura per metterli da parte e staccare da questa condizione. Solleva l’umore, insegna a ridere e serve per chi ha un eccessivo senso del decoro. Riduce la tensione nervosa, ma si limita a nascondere, non va a cercare la causa profonda del disagio. Può essere usato anche in caso di attacchi di panico come rimedio d’emergenza.


APPLICAZIONI

Per la stitichezza: 5 gocce in 1 cucchiaio di yogurt bianco naturale la sera prima di coricarsi.

Messo in diffusione ambientale l’anice copre gli odori e aiuta anche a disinfettare l’aria.

Per l’umore: in diffusione anche con Noce Moscata.

Per la digestione: sciogliere 1 goccia nel miele o sciroppo d’acero e dolcificare una tisana o anche solo acqua calda dopo i pasti.

Come galattagogo: massaggiare sul seno dopo aver diluito un paio di gocce in olio vegetale facendo attenzione di evitare il capezzolo.

Come mucolitico: diluire qualche goccia in un cucchiaio di olio vegetale e massaggiare sui bronchi prima di andare a dormire. Si possono anche fare suffumigi aggiungendo 3-4 gocce di olio essenziale e un cucchiaio di bicarbonato in un recipiente di acqua bollente. Coprire il capo con un asciugamano e respirarne i vapori.

Per le coliche: 3 gocce di olio essenziale in 5 ml di macerato di Iperico o altro olio vegetale e massaggiare sull’addome. Dona sollievo sia per le tensioni addominali date da mestruazioni dolorose e anche in caso di meteorismo.


🔍 Vi suggerisco di utilizzare oli essenziali di alta qualità (difficili da reperire!) così da poterli tranquillamente ingerire. Personalmente, utilizzo prevalentemente le essenze del profumiere Abdessalam Attar di Rimini (www.profumo.it) che le distilla personalmente.



Lorenzo Biroli

- Specialista del Massaggio

- Operatore in Discipline bio-naturali

- Counselor Umanistico




30 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page