TIMO: GHIANDOLA DELLA GIOVINEZZA


Non è difficile capire dove nel nostro corpo si trova questa ghiandola: basta mettere due dita sotto la fossetta clavicolare. La funzione del timo è di portare a maturazione vari tipi di linfociti, finalizzandoli a distruggere i patogeni.

E' molto attiva nei bambini, ma verso i 30 anni "si spegne", a 40 quasi sparisce, mentre in alcune persone resta una sua traccia sotto forma di tessuto linfatico. Più tardi avviene questa involuzione (per noi) e meglio è, perché il timo è capace di rallentare l'invecchiamento. Questo accade per un motivo: il timo produce degli ormoni che attivano il sistema immunitario, migliorano la rigenerazione della pelle e il rinnovamento cellulare.

Il timo ama la dieta proteica (pesce, carne, latticini, fagioli ecc.), ama il caldo, le compresse riscaldanti, gli oli eterici (procedure da fare prima del periodo delle malattie stagionali, e non per più di 5-10 giorni).

Il timo non ama: gli stress (il rumore, gli sbalzi della temperatura, l'anestesia). Nelle persone sottoposte allo stress il timo si restringe e invecchia prima.


Come stimolare il timo?

Esiste un metodo molto semplice: potete picchiettare il punto dove si trova con la mano, 10-20 volte. Alcuni suggeriscono di farlo per 10 minuti.

Si può farlo con le estremità delle dita o con il pugno stretto leggermente, scegliendo un ritmo che vi pace. Facendo così, potete dare un po' di energia al corpo, in pochi secondi.

Si può anche mettere la mano sul timo e permettere all'energia di scorrere. Fatelo ogni mattina e poi diverse volte durante la giornata. E' possibile aggiungere delle affermazioni tipo "Sono giovane, bello/a, forte".


Quando il vostro timo si attiva sentirete la gioia o anche la pelle d'oca.

245 visualizzazioni0 commenti