Le 7 finestre: le aperture degli organi vitali (Naso)

Aggiornamento: 5 ott 2019

I taosti cinesi chiamano "finestre" gli organi di senso: occhi, orecchie, narici e bocca. Essi sono importanti per ricevere e trasmettere informazioni. Se una finestra è sporca e debole, non riceverà informazioni correttamente e non tratterà l'energia vitale all'interno.


Gli occhi sono le aperture del fegato.

Le orecchie sono le finestre dei reni.

Il naso è l'apertura dei polmoni.

La bocca è l'apertura della milza.

La lingua è la finestra del cuore.


Esistono delle semplici e intuitive pratiche quotidiane per pulire le finestre degli organi rafforzando, quindi, questi ultimi.


Il Naso

"Un naso forte è il segreto della carica vitale" (Mantak Chia)



Il naso ha molte funzioni:


- filtra l'aria impedendo ai microbi nocivi di raggiungere i polmoni

- regola la temperatura dell'aria (quando è fredda, il naso la stempera; senza questa azione regolatrice, le temperature eccessive potrebbero danneggiare i polmoni rendendoli sensibili alle malattie respiratorie e facilmente soggetti a raffreddori)


Il naso è attraversato da 3 meridiani (Intestino Crasso, Stomaco e Canale Governatore della schiena). Massaggiare il naso significa rafforzare il regolatore della temperatura, stimolare gli organi superiori ed aumentare la secrezione ormonale.

Un naso forte può aiutarci a raccogliere una buona energia. Un naso debole può farci ammalare facilmente e grandi quantità di muco possono penetrare nel petto.

Il naso, inoltre, può influire sulla voce: per questo un buon cantante cura sempre il proprio naso.


Pratiche per rafforzare il naso


1. Dilatiamo le narici. Introduciamo pollice ed indice muovendoli tutt'intorno ripetutamente. Questo esercizio serve ad allargare il passaggio dell'aria diretta ai polmoni, può risolvere alcuni disturbi alle cavità e correggere l'olfatto.


2. Con il pollice e l'indice massaggiamo il setto nasale, pizzicandolo ripetutamente. Inspirando immaginando di inalare aria pulita ed espirando immaginiamo di esalare aria sporca (questo esercizio risulta molto efficace se si hanno le cavità chiuse).


3. Poniamo il pollice e il medio ai lati del naso, esattamente sull'osso che scende perpendicolare al naso. Il dito indice va messo sul setto nasale. Inspirando, esercitiamo una leggera pressione. Espirando, rilassiamoci (questo esercizio può aumentare la concentrazione e calmare la mente).


4. Con gli indici di entrambe le mani, massaggiamo lentamente e delicatamente, salendo e scendendo lungo le ali del naso finché non sentiamo calore (questo esercizio aiuta ad aprire il naso chiuso). Se eseguita ogni mattina, questa pratica aiuterà ad affrontare un inverno molto rigido.




5. Immergiamo il naso in una bacinella di acqua fresca e pulita (preferibilmente dopo averla fatta bollire), inspiriamo delicatamente l'acqua nelle narici per poi rigettarla fuori.

All'inizio potremmo inspirare troppa acqua provocando la tosse. Quando avremo acquisito un pò di pratica, l'acqua entrerà dal naso e uscirà dalla bocca.

Se si hanno difficoltà ad usare entrambe le narici in una sola volta, si può usare un dito per tappare la narice destra mentre si pulisce la sinistra e viceversa.

All'inizio della pratica, è normale provare fastidio o dolore poiché il naso è come un camino, se non viene mai ripulito, il fumo vi si addensa.





11 visualizzazioni0 commenti